>Homo ergaster

>Homo ergaster

Il più antico aspetto di Homo ergaster in Africa circa 1,9 milioni di anni fa. Questa specie ha un cranio arrotondato, arcate sopraccigliari prominenti (ossea, sporgenti crinale tra le sopracciglia sopra gli occhi), i denti piccoli, e altre funzioni che condivise con la successiva Homo erectus. Paleoantropologi Molti considerano H. ergaster un buon candidato per un antenato dei moderni esseri umani, perché essa ha avuto anche alcune caratteristiche del cranio moderni, tra cui relativamente sottile ossa craniche. Esemplari di H. ergaster sono particolarmente noto nella gamma 1.6 a tempo di 1,7 milioni anni fa.
Il fossile più importante ritrovamento di questa specie è uno scheletro quasi completo di un giovane maschio, datato 1,6 milioni anno vecchio, da West Turkana, in Kenya. Il sesso dello scheletro è determinata dalla forma del bacino e dalle sue arcate sopraccigliari, e all’età di 9 anni a 12 anni al momento della morte è conosciuto con il pattern di eruzione dei denti e la crescita delle ossa. Non è noto come il ragazzo è morto. Il ragazzo “Turkana” aveva le ossa delle zampe lunghe adatte a camminare a lunga distanza. La lunghezza delle sue braccia, gambe e tronco sono stati proporzionati come nell’uomo moderno, in contrasto con le gambe scimmieschi breve (e le braccia lunghe) di H. habilis e A. afarensis. Questo scheletro è notevole per le prove che le offerte di uno dei primi umani pienamente impegnata a bipedismo, senza alcun segno di tree climbing significativi. H. ergaster aveva un corpo allungato, a indicare che si è adattato a climi caldi e tropicali, proprio come gli esseri umani moderni dai tropici tendono anche ad avere a lungo, corpi snelli. Un’altezza adulto di circa 6 m ed un peso di 150 libbre. è stimato dallo scheletro Turkana, supponendo che il corpo ha subito uno scatto di crescita dell’adolescenza, come moderni adolescenti umani solito.

La maggior parte dei paleoantropologi utilizzati a credere che l’evoluzione umana costituito da una sola riga che si è evoluta progressivamente nel tempo, una specie australopith seguita da Homo erectus, poi uomo di Neanderthal e l’Homo sapiens, infine moderna. Ma ora si pensa che ben cinque diverse specie di umana rapido, australopitechi robusti, abitata in Africa circa 1,9 milioni di anni fa. Dal momento che raramente riesce ibridazione tra le specie, con notevoli differenze scheletriche, solo una di queste specie avrebbe potuto essere l’antenato dell’uomo moderno. H. ergaster è ampiamente accettata come un antenato, anche se nata da popolazioni precedenti di Homo, possibilmente H. habilis e H. rudolfensis. Sembra che i periodi della diversità delle specie e l’estinzione sono comuni durante l’evoluzione umana, una somiglianza con la storia evolutiva di altri organismi. Moderna H. sapiens ha l’onore di essere l’unico vivente specie umana di oggi.
Annunci