>L’aumento della temperatura del permafrost

>L’aumento della temperatura del permafrost aumentare il clima delle emissioni di gas metano le tracce
da Dipl.-Ing. Margarete Paolo | 2 aprile 2009 12:57 GMT

Temperature più elevate nel permafrost artico suoli alterare la comunità di microrganismi che producono metano e portare ad un aumento delle emissioni di metano. Microbiologi da Alfred Wegener Institute giunto a tale conclusione in questo numero della rivista ‘Environmental Microbiology.’ Gli scienziati sono stati in grado di esaminare da permafrost, il terreno del mare Laptev, uno scaffale superficiale del mare vicino alla costa della Siberia, per la prima volta. Causata da overflooding relativamente caldo con acqua di mare, il cosiddetto ‘permafrost sottomarino’ è di circa 10 C più caldo rispetto alla permafrost a terra. E ‘quindi particolarmente adatto a monitorare i cambiamenti nel permafrost, il suolo causato dal continuo riscaldamento dell’atmosfera terrestre.

‘Se il permafrost, il suolo caldo o addirittura crescere disgelo, conseguenze drammatiche per tutto il mondo eventi climatici potrebbero verificarsi,’ illustra il microbiologo Dr. Dirk Wagner dalle Unità di ricerca di Potsdam Alfred Wegener Institute for Polar and Marine Research in Helmholtz l’importanza del permafrost ricerca. ‘Essi coprono circa il 25% della superficie della terra e memorizzare enormi quantità di carbonio organico.’

Sotto l’esclusione di ossigeno e quindi in condizioni tipiche del permafrost, a causa della saturazione delle acque, il clima le tracce di gas metano è generata dalla decomposizione di carbonio organico. Speciali sono i microrganismi responsabili della produzione di metano, chiamato methanogenic Archaea. ‘Quanto carbonio si trasforma e la quantità di carbonio è di conseguenza generato dipende dalle attività metabolica degli organismi e sulla composizione della comunità microbica’, spiega Wagner. ‘Siamo quindi impegnati nella questione di come questi due parametri di cambiamento sotto l’aumento delle temperature nel permafrost.’

I ricercatori erano già in grado di dimostrare in studi precedenti che microrganismi producono metano congelato profondamente anche in strati di permafrost circa -7 C. Se le temperature sono aumentate sperimentalmente da alcuni gradi, gli organismi ‘attività metabolica e quindi aumenta anche la produzione di metano nel permafrost. Ha finora non è stato chiarito, tuttavia, se la comunità di microrganismi che producono metano sarebbe in grado di adattarsi in modo permanente a temperature più elevate nel permafrost, il suolo. I ricercatori da Potsdam sono stati in grado di fornire la prova del confronto con la loro terra e del permafrost sottomarino strati.

Permafrost sottomarino si è sviluppato in un ex terre che è stata allagata a causa della principale sollevato sul livello del mare dopo l’ultimo glaciale. È dunque in origine un permafrost terrestre depositi. In contrasto agli attuali permafrost terrestre con una temperatura media di -12 C, permafrost sottomarino è già stato riscaldato a una temperatura di -2 C. Confrontando le due comunità di microrganismi che generano metano in entrambe le regioni permafrost, Wagner e il suo team sono stati in grado di dimostrano che la composizione dei microrganismi che producono metano nel permafrost sottomarino è chiaramente distinguibile da permafrost terrestre. La comunità è quindi in grado di adattarsi bene e in modo permanente per l’aumento delle temperature.

‘Gli studi ci sono state conducendo nel corso degli ultimi dieci anni, in prossimità del russo-tedesco di ricerca stazione Samoilov in Siberia artica mostrano chiaramente,’ Wagner riassume le intuizioni dei suoi lunghi anni di lavoro ‘che le comunità di microrganismi flessibile reagire al clima cambiare. Anche se il terreno è ancora profondamente congelati, l’attività metabolica di microbi che producono metano è aumentato con l’aumento delle temperature. E ‘per noi la prova definitiva che il riscaldamento atmosferico si può osservare porta a un aumento delle emissioni del clima le tracce di gas metano nel permafrost della terra vasta regioni ancora oggi.’

Fonte: Istituto Alfred Wegener per la ricerca polare e marina
Alfred Wegener Institute for Polar and Marine Research (AWI) svolge attività di ricerca nella regione artica, in Antartico e gli oceani del medio e alte latitudini. Le coordinate polari AWI ricerca in Germania, e fornisce importanti infrastrutture, come la ricerca e rompighiaccio Polarstern stazioni nell’Artico e in Antartide, per le organizzazioni internazionali della scienza. L’AWI è uno dei 15 centri di ricerca dell ‘ “Helmholtz-Gemeinschaft’ (Helmholtz Association), la più grande organizzazione scientifica in Germania.
http://www.awi.de/de/

Annunci